Documentario sociale (in corso) - Una stupendevole avventura

Da un fortunato e casuale incontro con questo fantastico mondo dei clown avvenuto a Cison di Valmarino, e con l'incontro dell'Associazione "Il Piccolo Principe" nel particolare, abbiamo ha deciso di voler approfondire, di voler scoprire e documentare passo passo perchè una persona decida di volersi dedicare al prossimo, perchè decida di dedicarcisi con un grosso e simpatico naso rosso.

Il documentario prevederà un lungo ma colorito anno di riprese, durante il quale seguiremo non solo i veterani di questa associazione, che ci spiegheranno quali sono i pilastri per un'assistenza con il sorriso e con capacità sempre aggiornate, ma incontreremo anche alcuni "tirocinanti" , ovvero alcuni novizi che dopo un intenso corso per apprendere le basi e alla fine del quale gli verrà consegnato il "naso rosso", dovranno fare un anno di tirocinio durante il quale imparare, rimanere aggiornati, fratenirzzare, piangere, ridere, seguire i veterani durante i turni in ospedale per poi, alla fine del percorso, ricevere il tanto desiderato "camice" e potersi così fregiare del titolo di "Dr. Clown".


Cortometraggio - L'amicizia vince sempre

Produzione, regia, riprese e montaggio

L'anno scolastico è partito bene per i bambini della quinta elementare dell'Istituto Raggio di Sole di Albignasego (AA 2012/2013). Il nostro gruppo di IMAGINARIA, insieme al loro insegnante Roberto Bonetto ha portando avanti un progetto che è durato tutto l'anno scolastico, progetto nel quale non sono si è realizzato un corto tutti insieme, ma si è affrontato passo passo ogni fase e aspetto della produzione di un piccolo film, in modo che sin da giovani i piccoli possano capire la fatica e la meticolosità che sta dientro ad un prodotto filmico.

Il progetto ha anche vinto il "Progetto didattico scuole elementari" indetto dal Credito Cooperativo Cartura che premiava il miglior progetto per validità educativa e innovazione curricolare


Cortometraggio - Oltre il pregiudizio

Produzione, soggetto, sceneggiatura, riprese, regia e montaggio

Werneuchen – 1945 Ultima linea di difesa prima di Berlino. Incontro/scontro tra due soldati tedeschi, uno più grande e completamente disilluso dalla guerra pensa a sopravvivere, uno più giovane desideroso di combattere, cresciuto con notizie completamente filtrate dal regime, dovrà fare i conti con la realtà

 

L'idea alla base del corto è ambiziosa. Date per assodate le atrocità compiute durante la guerra, questa volta si vorrebbe andare al di là della divisa. Il corto cerca di rendere giustizia alla natura spesso banalizzante e stereotipata del soldato tedesco che viene data da molti prodotti filmici. Il messaggio è che la guerra è sbagliata a priori e che a soffrirne sono tutti, a prescindere dalla divisa portata. Nonostante quindi vengano spesso fatti riferimenti nel corto a massacri e genocidi, qui ci si vuole concentrare sulla persona, non sulla storia. Motivo per il quale abbiamo voluto girare tutto in un'unica stanza, da lì non si scappa, è necessario affrontare la verità